Coronavirus, una spinta allo urban farming

L’isolamento forzato dovuto all’epidemia ha rivoluzionato le nostre abitudini, a partire da quelle alimentari. Lo urban farming si adatta a qualsiasi ambiente. Se lo spazio disponibile è limitato, non rimane che scegliere una serra indoor: quella realizzata dalla startup bresciana Tomato+.